Archimede Solar Energy  
Choose your language  
  English version Home Home page English Reserved Area Area riservata  
Choose your language  
 
Centrale Archimede - Priolo Gargallo Siracusa. Guido Fuà - Agenzia Eikona per Enel ©
Archimede Solar Energy
 
Archimede Solar Energy   Archimede
Menù
  Archimede Solar Energy
Archimede Solar Energy   Tubi ricevitori  
Archimede Solar Energy
    HCEMS-11 / Sali Fusi  
Archimede Solar Energy Specifiche di prodotto
Archimede Solar Energy
    HCEOI-12 / Olio  
Archimede Solar Energy
    HCESHS-12 / Direct Steam Generation  
Archimede Solar Energy
Archimede Solar Energy   Download  
Archimede Solar Energy
Archimede Solar Energy   Progetti  
Archimede Solar Energy
Archimede Solar Energy
Menù
 
Archimede Solar Energy
Voi siete qui Voi siete qui    Home > Prodotti > HCEMS-11 Sali Fusi
Archimede Solar Energy
Archimede Solar Energy

HCEMS-11 Sali Fusi

  Principale caratteristica dell’HCEMS-11 è l’utilizzo del coating spettralmente selettivo (fabbricato sotto licenza ENEA) con una composizione dedicata ed ottimizzata per il funzionamento nel range di temperatura di utilizzo della miscela di sali fusi (miscela binaria di sali fusi NaNO3 e KNO3), quindi tra 290 °C a 550 °C. L’ottimizzazione del comportamento termo-meccanico e del comportamento nei confronti di fenomeni corrosivi del ricevitore, in funzione delle tipiche condizioni operative di circolazione dei sali fusi in un impianto solare termodinamico commerciale, ha portato alla scelta di uno spessore nominale del tubo di acciaio pari a 3 mm in accordo agli standard internazionali inerenti l’utilizzo di tubazioni in pressione.

L’HCEMS-11 utilizza pill getter posizionate nell’annulus in modo da consentire un funzionamento sicuro ed efficiente del ricevitore per tutta la sua vita attesa, assorbendo i gas residui desorbiti dalle superfici metallica e vetrata.

Attualmente l’HCEMS-11 è l’unico tubo ricevitore commercialmente disponibile per applicazioni ad alta temperatura in impianti solari termodinamici (fino a 550 °C con utilizzo dei sali fusi come fluido termovettore): questo permette la generazione indiretta di vapore surriscaldato ad alta pressione e temperatura così come avviene nei tradizionali impianti termoelettrici (ciclo Rankine surriscaldato) alimentati da combustibile fossile.
 

  Angelantoni
  Home Lavora con noi Credits